Partito Democratico

Pd in spiaggia «Siam mica qui a vedere l'Italia che affonda» Per due giorni hanno distribuito gadget e pesche nettarine

Più che in vacanza, la politica va «alla vacanza»: succede sulle coste romagnole, dai lidi ferraresi alla Riviera di Rimini, mentre stazioni e caselli svuotano il loro carico di desideri di evasione dalle città del centronord, il Pd scende nelle spiagge, appresta banchetti, regala gadget, diffonde il verbo dell'opposizione quando sulla sabbia rimbalza l'anticipo di manovra che drena 20 milioni al Welfare. All'Italia stremata sotto l'ombrellone il Pd dice che «ha bisogno di altre soluzioni: equità, lavoro e sostegno allo sviluppo». E mezz'ora prima che Berlusconi anticipasse la stangata, i democratici distribuivano braccioli per nuotare al Lido degli Estensi, «per far restare a galla nonostante la manovra del Governo». Ironici, ma da «Allegria di naufraghi».

Si è ripreso sabato a Cattolica, Riccione, Misano. A Rimini, mentre dal sottopasso della ferrovia emergono frotte di pallide figure a caccia di sole al ritmo cantilenante dei trolley, al porto i militanti «tirano su» il gazebo. «Una faticaccia organizzarli - dice Emma Petitti, segretario Pd comunale - in Romagna la vacanza è lavoro e impegni ma, come dice Stefano Bonaccini, una grande forza popolare deve guardare le persone direttamente negli occhi. E anche se è il 6 di agosto, ci siamo trovati per dire cosa proponiamo per il Paese».

Articolo scritto per: 
testi: 

Vendola infiamma Rimini «con Gnassi dobbiamo vincere»

«Siamo di fronte alla possibilità di cambiare il vento, di cambiare il clima. Dobbiamo vincere dappertutto, dobbiamo vincere a Rimini». Un po' il vento è cambiato nel capoluogo romagnolo: Nichi Vendola è arrivato schierandosi con il candidato del centrosinistra Andrea Gnassi e infiammando la platea di oltre 250 persone. Non i soliti volti del Pd, ma nemmeno i soliti volti del Sel, a parte un paio di dirigenti del tutto defilati, come se non l'avessero organizzato loro l'incontro. Specchio del profondo caos post elettorale che regna nella formazione, con alcuni che hanno contestato al leader pugliese la mancata venuta al primo turno. Caos o non caos, Gnassi incassa l'accorata adesione di Nichi e i lunghissimi applausi. «L'importante è vincere - dice Vendola - dopo dovremo fare i conti con le ragioni dei grillini e di Sel, ma quelle ragioni non sono un impedimento a capire qual è la posta in gioco». E mette così una pietra miliare su dove sta Sel. Nel centrosinistra.

Articolo scritto per: 
testi: 

Il Pd e la solidarietà: torna la festa per il Terzo mondo. A Viserbella fino al 6 gennaio

«Un modo più genuino per dimostrare che la politica può essere anche concreta, che non siamo solo piegati in discussioni interne»: è l'ottava «Festa democratica per la Solidarietà»,a Viserbella, periferia nord di Rimini, come la presenta il segretario comunale Pd Luigi Bonadonna. Festa che apre oggi i battenti, da sempre a cavallo del Capodanno, inserita nel circuito nazionale, unica a sposare la tradizionale miscela di ingredienti - buona cucina, musica, dibattiti - alla concretezza dei progetti di volontariato.

Articolo scritto per: 
Argomenti: 
Persone: 
Luoghi: 
Abbonamento a RSS - Partito Democratico