Al Jazeera aprirà un canale in inglese: l’informazione araba parla direttamente all’Occidente

La voce più autorevole, e discussa, del mondo arabo, parlerà direttamente all’Occidente: niente più mediazioni e interpretazioni per Al Jazeera, dal 15 novembre affiancherà alla sua programmazione in lingua araba un canale di notizie in inglese.

Articolo scritto per: 
testi: 

Anna Politkovskaya, "L'unica giornalista buona è la giornalista..."

"The only good journalist…": è il titolo del Guardian, nel ricostruire la tragica fine della collaboratrice Anna Politkovskaya, giornalista del periodico russo Novaya Gazeta, e il contesto nella quale è maturata. Il riferimento al macabro motto coniato per gli indiani d'america è anche per il lungo elenco di giornalisti uccisi, 13 con l'omicidio dei giorni scorsi, "dall'avvento di Putin al potere".

Articolo scritto per: 
testi: 
Argomenti: 

Rimini, le scelte nette hanno pagato

Una vittoria non scontata né per la statistica, “un sindaco eletto a Rimini al primo turno non si è mai visto”, né per la composizione della coalizione che lo ha sostenuto, “sapevamo di aver fatto scelte nette, che avremmo potuto pagare”. E invece no, non paga queste scelte Alberto Ravaioli: batte il suo più diretto antagonista, il coach di basket Alberto Bucci, candidato dal centrodestra, per oltre 10 lunghezze: 51,09 a 40,21%, come recitano le urne riminesi poco prima della mezzanotte.

Articolo scritto per: 
testi: 

Il resoconto annuale di Reporters Sans Frontières sulla libertà di informazione

Sessantatre giornalisti e 5 assistenti uccisi, oltre 800 arrestati, 1308 hanno subito attacchi o percosse, mentre sono 124 quelli che, insieme a 70 “cyber dissidenti”, sono ancora rinchiusi nelle prigioni di tutto il mondo. Il bilancio di Reporters sans Frontières 2005 di in appena 7 pagine, riporta quanto la libertà di stampa e di parola costi in termini di vite umane e sofferenza, ancora in ogni parte del globo.

Articolo scritto per: 
testi: 
Argomenti: 

Reporter a rischio

“I recenti morti e feriti tra i giornalisti in Iraq dimostrano come le truppe Usa stiano andando al di fuori di ogni autorità”. E' il britannico Guardian a lanciare l'accusa dal suo fascicolo dedicato ai mezzi di informazione, MediaGuardian. Nell'esordio del nuovo formato - il “Berliner”, più piccolo del tabloid, che in Gran Bretagna contraddistingue negativamente la stampa “popolare” - Rory Carroll da Baghdad dedica un lungo servizio agli operatori dei media caduti per “fuoco amico”. Con poche eccezioni, iracheni.

Articolo scritto per: 
testi: 

Pagine

Abbonamento a Enrico Rotelli RSS