Cooperativa sociale Cento Fiori

Abbonamento a feed Cooperativa sociale Cento Fiori
Da 35 anni lottiamo contro le dipendenze da sostanze e per l'inserimento sociale delle persone
Aggiornato: 4 giorni 21 ore fa

Gian Marco Casadei torna da sindaco a Vallecchio, dopo averne siglato con il collega di Rimini Massimo Conti la convenzione per la nascita nel 1984

Mar, 30/11/2021 - 17:17
Il primo cittadino di allora, recentemente rieletto, ha fatto visita all’ex podere Fantini, così si chiamava all’epoca. Ad accoglierlo i vertici della Cento Fiori. Il ricordo: il confronto con la cittadinanza per far nascere la Comunità terapeutica di Vallecchio.

Vallecchio di Montescudo – Nei giorni scorsi il sindaco di Montescudo – Monte Colombo Gian Marco Casadei, accompagnato dal consigliere Gilberto Arcangeli, ha visitato la Comunità terapeutica di Vallecchio, gestita dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori. E’ stato accolto dal presidente Cristian Tamagnini, dalla vice Presidente Gabriella Maggioli, dal direttore Giovanni Benaglia e dal consulente psichiatrico dott. Wiliam Giardi, i quali lo hanno informato sulla gestione e sulla organizzazione della Comunità. Il Sindaco ha incontrato anche gli ospiti della Comunità ed ha visitato l’azienda e i locali dove vengono svolte le diverse attività di recupero.

Per Gian Marco Casadei si è trattato di un ritorno nei luoghi della Comunità da lui fortemente voluta nei primi anni ’80. Allora era sindaco di Montescudo e sui problemi della tossicodipendenza sosteneva che “più delle camminate e fiaccolate occorre fare qualcosa di concreto. Un conto infatti è parlare e auspicare il recupero dei tossicodipendenti, un conto è scendere sul piano pratico delle realizzazioni e delle iniziative”.

La possibilità di realizzare qualcosa di concreto arrivò con l’applicazione della Legge 23 dicembre 1978 n. 833 Istituzione del Servizio Sanitario Nazionale (art.66). I beni mobili ed immobili dell’Ente Ospedaliero “S.Fantini” furono trasferiti al patrimonio del Comune in cui erano ubicati con vincolo di destinazione alla Unità Sanitaria Locale. Il Comune di Montescudo, fra i beni intestati, aveva il podere di Vallecchio che l’Amministrazione Comunale pensava di destinare a sede di una Comunità per il recupero dei tossicodipendenti. C’era un comprensibile timore nella popolazione, come era già successo nella vicina San Patrignano, per cui il sindaco Gian Marco Casadei, prima del Consiglio Comunale che doveva deliberare in merito, convocò una Assemblea pubblica con la popolazione.

“ Nella proposta di Comunità che vi presentiamo- sostenne il Sindaco che presiedeva l’Assemblea – c’è il rispetto degli originali interessi dell’Ente Opera Pia Ospedale “S. Fantini” dei quali io sono il garante nominato da don Giocondo Magnani con il benestare di monsignor Emilio Biancheri, Vescovo di Rimini. Se infatti nel 1923 la priorità era di dare assistenza sanitaria ai braccianti e ai nullatenenti, oggi la priorità è dare assistenza e recupero a persone cadute nella tossicodipendenza”. E aggiunse: “Penso che Monsignor Costantino Fantini se questa sera fosse stato qui al mio posto avrebbe espresso le stesse considerazioni”.

L’Assemblea cittadina, assai partecipata, dimostrò un alto senso civico ed accolse con un solo voto contrario la proposta del sindaco Casadei. Il successivo Consiglio Comunale di Montescudo, con voto unanime , deliberò di cedere gratuitamente in comodato il podere alla Cooperativa Cento Fiori, presieduta da Werther Mussoni, per fare sorgere la Comunità. Il Comune di Rimini stanziò le somme necessarie per la ristrutturazione delle due case coloniche ed il 23 maggio 1984 i sindaci di Rimini e di Montescudo, Massimo Conti e Gian Marco Casadei, firmarono la convenzione.

L'articolo Gian Marco Casadei torna da sindaco a Vallecchio, dopo averne siglato con il collega di Rimini Massimo Conti la convenzione per la nascita nel 1984 proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

La salma di Thiam Muhammad tornerà alla famiglia grazie alla solidarietà di amici e operatori delle associazioni e cooperative di assistenza ai migranti del riminese

Mar, 30/11/2021 - 12:06
Il 32enne senegalese viveva a Rimini dal 2016 ed è scomparso per un incidente a Caserta. La raccolta fondi lanciata dagli operatori della Cento Fiori ha coperto le spese di rimpatrio della bara.

Rimini – Grazie a una colletta di amici e operatori dell’accoglienza riminese il corpo di Thiam Muhammad potrà essere restituito al lutto della sua famiglia. Il 32enne senegalese, che viveva a Rimini dal 2016, è scomparso prematuramente in un incidente stradale nella notte tra il 9 e il 10 novembre. I costi del rimpatrio erano insostenibili per la famiglia, Thiam ha lasciato una madre e dei fratelli in Senegal, così il settore dell’Accoglienza dei migranti della Cooperativa Sociale Cento Fiori ha lanciato la raccolta dei fondi che nel giro di pochi giorni ha raggiunto l’obbiettivo di finanziare il ritorno della salma.

Gli operatori della Cento Fiori hanno organizzato un aperitivo al Circolo del Tennis di Rivazzurra, mentre sul conto corrente aziendale era possibile effettuare le donazioni con la causale “THIAM”. La generosa risposta è stata massiccia e rapida: «Gran parte dei fondi sono stati raccolti durante l’aperitivo, al quale sono intervenuti gli amici di Thiam Muhammad da tutta la provincia e numerosi colleghi delle associazioni e delle cooperative sociali del territorio che assistono i migranti» dice Nicoletta Russo, a nome di tutti i colleghi del settore. Il resto della cifra necessaria è stato coperto dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori. Così, a pochi giorni dal lancio dell’iniziativa sono state già coperte le spese per il rimpatrio della salma ed effettuato il bonifico di 3 mila euro all’agenzia funeraria che se ne sta occupando. Ora si è in attesa che siano perfezionate tutte le procedure burocratiche.

I colleghi del settore Accoglienza Migranti hanno voluto ringraziare lo slancio generoso con un messaggio:

«Venerdì abbiamo emesso il bonifico con l’importo necessario a favore dell’agenzia che si occuperà di riportare il corpo di Muhammad Thiam in Senegal.
Grazie alla solidarietà di tutte e tutti quelli che hanno risposto in pochissimo tempo al nostro appello, che hanno partecipato all’evento e che hanno contribuito alla raccolta fondi.
Grazie per aver reso possibile il ritorno di Thiam a casa».

«Friday we transferred the requested money on the account of the agency that will bring Muhammad Thiam’s body back to Senegal.
We would like to thank all the people that contributed raising funds.
Thank you for making this possible in such a short time.
Thank you for helping us bring Thiam home».

L'articolo La salma di Thiam Muhammad tornerà alla famiglia grazie alla solidarietà di amici e operatori delle associazioni e cooperative di assistenza ai migranti del riminese proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Fabio Serra campione no kill al pesce più grosso 2021 del lago Arcobaleno di Riccione

Mer, 17/11/2021 - 13:15
In finalissima Fabio Serra batte gli altri 42 vincitori delle gare da marzo a ottobre, martedì e giovedì in notturna, sabato e domenica pomeridiane. Secondo Marco Delvecchio, terzi ex aequo Mario Savini e Mauro Castellani.

Riccione – Fabio Serra è il Campione 2021 del lago Arcobaleno di Riccione della pesca al pesce più grosso no kill. Quarantatré canne si sono contese l’ambito trofeo nella ex cava a San Lorenzo, ora oasi protetta grazie alla Cooperativa Sociale Cento Fiori e alla Lago Arcobaleno ASD che la gestisce. Quarantatre pescatori usciti vincitori nelle gare del calendario al pesce più grosso no kill svoltosi da marzo a ottobre i martedì e i giovedì in notturna e i sabati e le domeniche pomeriggi. Sportivi di tutte le età, dai 9 anni di Leone al decano che ha festeggiato le 70 primavere. Nella finalissima svoltasi all’ultimo grammo ha conquistato il prosciutto più pregiato Fabio Serra, (nella foto: il terzo da sinistra con la maglia rossa), premiato con un San Daniele, secondo Marco Delvecchio (maglia nera primo da dx), che si è aggiudicato un prosciutto di Parma, terzi ex aequo Mario Savini e Mauro Castellani: anche loro si sono aggiudicati un gustoso prosciutto.

Il vincitore Fabio Serra con la sua preda più grossa, ovviamente rilasciata in acqua immediatamente dopo la foto insieme.

L'articolo Fabio Serra campione no kill al pesce più grosso 2021 del lago Arcobaleno di Riccione proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

«Giovani e dipendenze: gli orizzonti della prevenzione oltre la pandemia»: i video dei singoli interventi alla tavola rotonda dell’11 settembre 2021

Mer, 17/11/2021 - 11:40

Condotta dalla pedagogista Laura Grossi, responsabile del Centro Diurno della Cento Fiori, la tavola rotonda, ha visto Claudia Luppi, sociologa dell’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR, presentare i dati relativi alla ricerca ESPAD sui “Comportamenti a rischio tra la popolazione studentesca in Emilia Romagna”. A seguire gli interventi di Emma Petitti, presidente dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia – Romagna, Caterina Staccioli, del Ser.DP di Rimini, Michele Sanza, responsabile del Ser.DP di Cesena, Leopoldo Grosso, presidente onorario del Gruppo Abele, e Riccardo De Facci, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) che ha tratto le conclusioni.

L'articolo «Giovani e dipendenze: gli orizzonti della prevenzione oltre la pandemia»: i video dei singoli interventi alla tavola rotonda dell’11 settembre 2021 proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Metti il tuo pet in copertina! La tua agenda 2022 con l’amico del cuore.

Ven, 12/11/2021 - 11:33
I canili di Rimini e Vallecchio, gestiti dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori, propongono un’agenda annuale personalizzata: un modo originale e insolito per essere sempre in compagnia del vostro fedele amico a 4, 3 o 2 zampe.

Come iniziare il 2022 nel migliore dei modi? Acquistando un’agenda con il proprio pet in copertina! Proprio così, avete capito bene, quest’anno i canili di Rimini e Vallecchio, gestiti dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori, vogliono proporre un’agenda che vi accompagnerà per tutto l’ anno, in copertina verrà riprodotta la foto che ci invierete, realizzando un’agenda unica e “super personalizzata”!

Siete sempre in tantissimi a sostenerci, seguirci e condividere le nostre attività e quest’anno vorremmo ringraziare tutte le persone e le famiglie che vivono con uno o più animali.

Il nostro plauso va a tutte le persone che hanno scelto di non girarsi dall’altra parte quando si sono imbattute in un animale in difficoltà, e non solo lo hanno soccorso e curato ma gli hanno spalancato le porte della propria casa e del proprio cuore, ed ora è a tutti gli effetti un membro della famiglia. L’ agenda personalizzata vuole essere un modo originale e insolito per portare sempre con voi il vostro fedele amico a 4, 3 o 2 zampe non importa la specie la razza o qualsiasi altra cosa: un animale è per sempre.

La nostra agenda vuole essere un modo anche per ricordare gli animali un po’ più sfortunati,quelli in attesa di una famiglia tutta per loro, dell’adozione perfetta, ospitati magari in un canile come il nostro, e che tutti quanti noi operatori e volontari vorrebbero vedere anche la loro foto stampata come copertina di un’agenda dalla famiglia che li adotterà. Nel frattempo non potevamo non pensare anche a loro e abbiamo realizzato delle agende con l’immagine dei cani ospitati dal canile di Rimini.

Per poter realizzare l’agenda “Metti il tuo Pet in copertina” basta inviare la foto che avete scelto in formato pdf o jpg in alta definizione sviluppata in verticale all’indirizzo mail agende.canilerimini @libero.it entro e non oltre il 30 novembre (importante: una volta scattata la fotografia non inviarla tramite Wap ma tramite mail in modo da non perderne la definizione).

La consegna delle agende avverrà prima di Natale, in occasione di una giornata Open Day del canile di Rimini organizzato per il sabato 18 dicembre, così potremo incontrarci e scambiarci i migliori auguri di Natale e di un sereno 2022.

Il costo dell’agenda con copertina personalizzata è di euro 25,00 mentre l’agenda con copertina dei nostri cani è di euro 20,00.

L'articolo Metti il tuo pet in copertina! La tua agenda 2022 con l’amico del cuore. proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Un’interessante occasione educativa: alla Cento Fiori commentano la proposta di uno degli imputati della vicenda bombacarta al centro accoglienza migranti del 2018

Mer, 10/11/2021 - 16:29
Nel 2018 fu tra coloro che lanciarono due rudimentali molotov (inesplose) e una bombacarta a un centro di accoglienza per migranti gestito dalla Cooperativa sociale Cento Fiori, ora propone di ripagare la onlus con il lavoro presso il centro che ha attaccato.

Rimini – Probabilmente potrà comprendere meglio la portata del gesto che ha fatto: è questa l’opinione largamente condivisa tra dipendenti e soci della Cooperativa Sociale Cento Fiori sulla proposta di uno degli degli imputati coinvolti nell’attacco di fine ottobre 2018 risarcisca con il lavoro la onlus. La notizia, appresa dai giornali questa mattina, ha catalizzato l’attenzione dei colleghi che hanno visto un’interessante occasione educativa. Alcuni si sono proposti di fare da tutor al ragazzo, nel caso la richiesta avanzata dal suo difensore si concretizzi.

Certo – è stato detto – sarebbe stata auspicabile una maggiore riservatezza, vista la delicatezza della situazione e i soggetti coinvolti. Ma è stato rilevato che comunque si tratta del segno di voler riconoscere l’errore e voler andare al di là dei pregiudizi nei quali è maturato il grave gesto di due anni fa. Non dimentichiamo che con due molotov artigianali (non esplose) e la bomba carta i ragazzi per fortuna hanno arrecato solo dei danni a un portone e non ai nostri ospiti, colleghi e nemmeno a loro stessi. Per non parlare delle conseguenze che li segneranno certamente. Uno di loro ha chiesto di mettersi al servizio di chi ha attaccato. Bene. Se questo avverrà, la nostra cooperativa sociale farà in modo che il giovane abbia la possibilità di fare una esperienza educativa piena e interessante, dove il lavoro sarà il modo più proficuo per entrare in contatto con i migranti, con le loro storie, il loro vissuto.

Nella foto: ospiti dei centri di accoglienza dei migranti Cento Fiori donano due tablet per i pazienti dell’ospedale Infermi all’inizio dell’epidemia CoVid.

L'articolo Un’interessante occasione educativa: alla Cento Fiori commentano la proposta di uno degli imputati della vicenda bombacarta al centro accoglienza migranti del 2018 proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Storia di un cooperatore: Raffaele Caserta si racconta, da tirocinante alla Comunità Terapeutica di Vallecchio a socio della Cento Fiori.

Ven, 05/11/2021 - 12:46
La forte penetrazione e la fascinazione delle sostanze stupefacenti negli ambienti giovanili generano in Raffaele Caserta una curiosità che, terminati gli studi sociologici, diventa una professione: educatore in una comunità terapeutica.

Uno studente di sociologia resta colpito dalla forte penetrazione che alcune sostanze stupefacenti hanno nei gruppi di amici e conoscenti coetanei. E sulla fascinazione che generano, nelle culture giovanili. Vuole saperne di più. Un’amica gli suggerisce il tirocinio, necessario al suo percorso accademico, alla Comunità Terapeutica di Vallecchio. Lo chiede, lo accettano. Da lì in poi nasce un percorso professionale e di vita, che Raffaele racconta in poco più di due minuti. Buon ascolto.

L'articolo Storia di un cooperatore: Raffaele Caserta si racconta, da tirocinante alla Comunità Terapeutica di Vallecchio a socio della Cento Fiori. proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Cnca: Referendum sul consumo della cannabis, sì alla depenalizzazione

Mer, 27/10/2021 - 15:08
La Conferenza nazionale sulle droghe sia l’occasione per ripensare la legislazione e il sistema di intervento

Roma – Il Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) – di cui fa parte la Cooperativa Sociale Cento Fiori – esprime il proprio sostegno al referendum sulla cannabis, un’occasione per escludere dalla sfera della giustizia penale il consumo e la coltivazione per uso personale. La Federazione ha sempre sostenuto – fin dalla mobilitazione della campagna “Educare, non punire” contro il Dpr 390/90 – che una persona che consuma sostanze non deve entrare in carcere né incontrare, per questa sola ragione, un rappresentante delle forze dell’ordine, quanto piuttosto un adulto competente, che sappia aiutarla a elaborare le ragioni del consumo soprattutto quando diventa problematico o dipendenza. Anche le sanzioni amministrative, imposte in questi anni a circa un milione e mezzo di persone, dovrebbero essere previste solo nei casi in cui l’uso di sostanze può pregiudicare la sicurezza di terzi (come nel caso della guida sotto effetto di sostanze stupefacenti).  

Per il CNCA il referendum –  e il testo base sulla depenalizzazione della coltivazione di cannabis in casa approvato in commissione Giustizia, che speriamo sia presto calendarizzato in aula –  dovrebbero favorire una discussione pubblica sulla necessaria e indifferibile modifica della legislazione vigente in materia di droghe, che non può non tener conto delle differenze esistenti tra le svariate sostanze disponibili, le tante modalità di consumo sperimentate e le problematiche connesse. A tal proposito, appare del tutto irrazionale trattare qualsiasi uso di sostanze alla luce di una tossicodipendenza o di un consumo problematico.

La Federazione auspica che questo netto cambiamento di approccio nella legislazione, ma anche nella revisione e ammodernamento del sistema di intervento, sia al centro della prossima Conferenza nazionale sulle droghe, prevista a Genova il 27 e 28 novembre prossimi, e della Conferenza autoconvocata che avrà luogo, sempre nel capoluogo ligure, il 26 novembre, eventi a cui saremo presenti come attivi protagonisti.

Ufficio Stampa CNCA, Roma, 27 ottobre 2021

L'articolo Cnca: Referendum sul consumo della cannabis, sì alla depenalizzazione proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Si rafforza la collaborazione tra Università di Bologna e Cento Fiori attraverso la partecipazione del Cefeo alle crociere terapeutiche 2021

Mer, 27/10/2021 - 14:32
Il professor Giannino Melotti (Cefeo – Università di Bologna): «Stiamo cercando di mettere a punto un sistema di valutazione dell’attività svolta dalle crociere del Progetto Ulisse». Le crociere in Croazia salutate dal fondatore, Werther Mussoni.

Rimini – Cento Fiori e il Centro di ricerca sull’Educazione e la Formazione Esperienziale e Outdoor (Cefeo) dell’Università di Bologna hanno rafforzato la collaborazione attraverso due crociere terapeutiche questa estate. La seconda con destinazione Croazia si è conclusa recentemente e ha visto come “membro dell’equipaggio” Giannino Melotti, docente e ricercatore Cefeo, che ha affiancato per una settimana capitan Andrea Ambrosani, lo skipper ed educatore Cento Fiori che ha ereditato il comando dal fondatore del progetto, Werther Mussoni, e l’educatrice Elisabetta Boffa. «E’ la seconda crociera alla quale partecipa Cefeo, che ha in atto una collaborazione per mettere a punto un sistema di valutazione dell’attività svolta dalle crociere del Progetto Ulisse».

Giannino Melotti, docente dell’Università di Bologna e ricercarore del Cefeo, Centro di ricerca sull’Educazione e la Formazione Esperienziale e Outdoor.

Il rapporto tra Cefeo e Cento Fiori si era con concretizzato anche con la partecipazione della cooperativa sociale a diverse iniziative del Centro di Ricerca. Due convegni organizzati da Cefeo sull’Outdoor education, come viene chiamata l’attività educativa che “sfrutta” la natura per i processi terapeutici, e una lezione all’Università di Bologna sede di Rimini, tenuta dal fondatore della Cooperativa, Werther Mussoni, dallo psicologo Michele Maurizio D’Alessio e dall’educatore–skipper Andrea Ambrosani nel marzo 2019. «Stiamo cercando di mettere a punto strumenti di valutazione – ha spiegato il professor Giannino Melotti- con Cento Fiori ma anche con altre realtà di Bologna e del Veneto, che lavorano più sulle esperienze con la montagna e il trekking».

Dopo la pausa forzata dell’emergenza CoVid, il progetto Ulisse ha quindi ripreso le crociere terapeutiche, che quest’anno coincidono con i 40 anni di esistenza della Cooperativa Sociale Cento Fiori. La prima del 2021 è stata con i pazienti della Comunità Terapeutica di Vallecchio, alla quale ha partecipato Chiara Borelli, dottoranda di ricerca del Dipartimento di scienze dell’educazione dell’Università di Bologna, per uno studio di Cefeo. La seconda con gli ospiti del Centro Osservazione e Diagnosi, sempre a Vallecchio.

A salutare il viaggio il fondatore del progetto, Werther Mussoni, che anche se ha smesso la cerata del capitano, non fa mai mancare il suo supporto agli equipaggi, quando non prende addirittura prende il mare insieme ai pazienti. Ai nuovi marinai Mussoni ha ricordato che questa esperienza serve “a far riscoprire il gusto della vita che c’è nelle cose, anche in quelle inaspettate o non piacevoli, e nelle persone che ci circondano”. A sottolineare che questo viaggio è un’ulteriore tappa nel percorso di realizzazione di sé, avviato con l’adesione alla terapia.

Werther Mussoni, già presidente della Cooperativa Sociale Cento Fiori, durante una lezione all’Università di Bologna sede di Rimini.

«Abbiamo voluto continuare a fare questa esperienza – ha detto Mussoni – perché i pazienti scoprono che è facile godersi la vita riuscendo però a capire cosa succede. Quando diciamo che il diario di bordo (che ciascuno di loro tiene come compito terapeutico) è una cosa importante è perché aiuta a fermare il momento, a cogliere l’attimo, a trovare le cose belle che stanno vivendo. Perché spesso le cose belle ci scorrono sopra e non ce ne accorgiamo». «Qui sulla barca – ha detto Werther Mussoni rivolgendosi ai pazienti della seconda crociera terapeutica – abbiamo la possibilità di godere di diverse cose. Intanto le persone: la diversità, le cazzate che si raccontano, la litigata o il convivere insieme, fare da mangiare, che a pensarci è un atto d’amore e di affetto verso gli altri. Poi c’è la natura. In mezzo al mare si può vedere la via Lattea, che di notte fa quasi paura da quanto è nitida e grande, si può godere dell’ozio e della natura. Avete l’occasione di godervi per una settimana di queste cose, bisogna imparare ma non è difficile , basta metterci la disponibilità. Il vostro compito è quello di godervi la vita».

L'articolo Si rafforza la collaborazione tra Università di Bologna e Cento Fiori attraverso la partecipazione del Cefeo alle crociere terapeutiche 2021 proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

La Cento Fiori compie 40 anni – articolo de Il Ponte, settimanale diocesano di Rimini

Ven, 15/10/2021 - 16:09
Il settimanale diocesano di Rimini Il Ponte dedica una pagina al 40° anniversario della fondazione della Cooperativa Sociale Cento Fiori. L’articolo, per gentile concessione della redazione.

La storia della Cooperativa Sociale Cento Fiori comincia ufficialmente il 7 maggio 1981 con la firma davanti al notaio Enrico Franciosi di diciannove persone. Ma se chiedete a chi c’era e a chi c’è, tutti dicono che “la Cento Fiori è figlia di una manifestazione di piazza”. Se volete leggere un frammento della storia politica e sociale di Rimini, ma anche dell’Italia, alle prese con il dilagare dell’eroina tra la fine degli anni ‘70 e i primi anni ‘80, l’ecosistema Cento Fiori è un buon soggetto da mettere nel vetrino del vostro microscopio.

Nella sua genesi e nel suo percorso c’è il dilagare dell’eroina, un’epidemia che ha travalicato classi sociali, quartieri residenziali e popolari, fazioni politiche, irrompendo nella società riminese e italiana. Per alcuni moda, per altri “il massimo del capitalismo, perché raggiungevi il benessere, non avevi più bisogno di acquistare nulla”, ma per tutti e per tutta la città un calvario inarrestabile, contro il quale non c’erano metodologie codificate e strutture consolidate: tutto era nascente o nato da poco. La lotta all’eroina è una storia di pionieri dove ciascuno cercava una propria via.

Il 7 maggio 1981 la cooperativa nasce come costola operativa del Centro Tutela Salute Tossicodipendenti, un neonato servizio portato avanti da un pugno di giovani medici, sociologi, psichiatri, tra i quali Sandra Caroldi, Massimo Ferrari, Sergio Semprini Cesari, Leonardo Montecchi, William Raffaeli, Loris Tomelli e Fabio Arcangeli. Intorno al loro operato si coagula un collettivo che cerca, con il trascorrere dei mesi, di costruire un Modello Rimini nella lotta alla droga. Un modello che, pur con qualche variante che il tempo inevitabilmente ha portato, continua a vivere nell’attuale Cooperativa Sociale Cento Fiori, sempre riminese nel cuore pulsante, ma con ospiti da tutta Italia con problemi di qualunque dipendenza da sostanza.

Al centro cominciano ad arrivare i primi tossicodipendenti che prendevano le fiale di metadone, prescritte dai medici di base. I quali erano in pochi a sapere che era un farmaco che creava dipendenza e che era utilizzato ‘a scopo ludico’.

“Ludico si fa per dire – ricorda Montecchi – con quelle siringone dell’epoca non era un gran che piacevole…”. In ogni caso, con le prescrizioni dei medici si era creato un mercato ‘grigio’ del metadone, che comunque si sovrapponeva al mercato dell’eroina. Al CMAS decisero di utilizzare il metadone come argine per l’eroina, ma non come era stato fatto dai medici di base, in modo inconsapevole. Centralizzarono la distribuzione e nello stesso tempo eliminarono le fiale per trasformarle in sciroppo nella farmacia dell’ospedale, questo perché togliendo la siringa si poteva “togliere il gusto del buco”.

L’eroina ‘sparata’ nelle vene provoca un effetto potente chiamato flash.

“Sapevamo di esperienze di trattamento delle dipendenze con il metadone in sciroppo nelle cliniche statunitensi degli anni ‘60 e dal lavoro di Vincent Dole e Marie Nyswander a New York – ricorda Montecchi – Usavamo il metadone secondo la farmacopea perché le persone si staccassero dal sistema criminale. Chi fa uso di eroina diventa spesso un piccolo spacciatore, si da ai furti, è portato ad avere una vita ai margini per approvvigionarsi della sostanza. Come CMAS ci eravamo pensati come un collegamento che permettesse a queste persone di non emarginarsi totalmente, se uno voleva totalmente disintossicarsi o cercare di inserirsi nel mondo del lavoro. Cercavamo di aiutare gli utenti a non valicare il confine di una doppia società, ovvero la società dei garantiti e quella dei non garantiti”.

Azioni di riduzione del danno ‘ante litteram’, ma anche azioni politiche.

Perché il CMAS non era un Fort Apache in mezzo al nulla. Si era creata una rete di persone che sentivano la presenza di questo morbo e non si rassegnavano a vedere le vittime nelle sue spire. Una rete di persone comuni sensibili al problema o che assistevano amici, colleghi di lavoro ospitandoli a casa mentre cercavano di disintossicarsi, sistemandoli dove si poteva, anche sul divano.

Lo facevano in tanti, lo faceva anche un certo Werther Mussoni, sindacalista dell’Enel e attivista della Gioventù Operaia Cristiana, che ogni tanto andava al CMAS a chiedere consigli per l’amico eroinomane che, insieme alla moglie Anna, e ai due figli piccoli, ospitavano in casa. Ritroveremo Werther pochi mesi dopo il 7 maggio 1981, quando la cooperativa Cento Fiori ha bisogno di passare da una ragione sociale a una entità vera.

Il CMAS non era l’unico centro del lavoro del collettivo in formazione, coinvolgendo tossicodipendenti, familiari, persone socialmente attive. Una propaggine operava nel reparto di Rianimazione, dove ricorda il medico William Raffaeli, “grazie alla disponibilità del primario Franco Grifoni, c’era la disponibilità di posti letto dedicati alle tossicodipendenze. Appena due, ma eravamo uno dei primi ospedali italiani per ricoveri per disintossicazione controllata. Noi usavano le sedazioni impegnative e disintossicavamo con la Clonidina, che blocca i recettori dell’astinenza, fermando le manifestazioni astinenziali. Era questo uno degli aspetti che ci dividevano dall’esperienza di San Patrignano: bastava poco per tenere sotto controllo i segni dell’astinenza. Erano difficili da gestire invece le componenti dell’angoscia ed una serie di complessità: avevamo bisogno di una sedazione molto potente e il reparto di Rianimazione aveva tutti i farmaci e la copertura sempre presente”.

Arriva il 7 maggio 1981, in 19 siglano la nascita della Cento Fiori e il primo presidente è William Raffaeli. L’idea di fondo è che attraverso il lavoro ci si emancipa dalla dipendenza. Ma dopo un po’ ci si rende conto che gestire una cooperativa è un lavoro a tempo pieno e il collettivo coinvolge quel Werther Mussoni che si affacciava al CMAS per aiutare un amico nei guai.

È la svolta. La Cento Fiori anno dopo anno si consolida. Nel febbraio del 1985 un prefabbricato che ospitava terremotati, viene smontato in Friuli e montato a Vallecchio: è l’embrione della Comunità Terapeutica, dove già si coltivano i campi del podere Fantini e si allevano due mucche, Punto e Virgola. Sono sette i primi ospiti, tutti riminesi. E i primi cinque operatori, psicologi ed educatori che lavorano con Mussoni sono stati anche fattori, muratori, elettricisti, contadini, giardinieri: Sandro Poggi, Caterina Staccioli, Alberto Meluzzi, Cabiria Tiraboschi, Patrizia Barchiesi.

Da allora, la stalla è diventata una Scuderia Cento Fiori, accanto è nato il Canile di Vallecchio e un ambulatorio veterinario, con la cooperativa che gestisce anche il Canile comunale di Rimini Stefano Cerni e un servizio di recupero di animali domestici. La Comunità Terapeutica si è allargata e un decennio fa, è diventata di proprietà della Cooperativa. Per gemmazione, all’inizio del nuovo millennio, è nato un Centro Osservazione e Diagnosi, sempre a Vallecchio, con pazienti da tutta Italia, mentre pochi anni dopo la Cento Fiori ha acquisito un altro Centro Osservazione e Diagnosi, L’Airone, ad Argenta, Ferrara.

Completano i servizi il Centro Diurno di Rimini e due gruppi appartamento, che accompagnano i pazienti nel loro reinserimento nella vita di tutti i giorni. I settori lavorativi ed ergoterapici continuano ad affiancare le terapie, con La Serra Cento Fiori a Rimini e la tipografia digitale, che impiegano anche persone diversamente abili, mentre da dieci anni il patrimonio di esperienza nell’accoglienza delle persone è stato impiegato anche nel supporto ai richiedenti asilo.

Fonte: Il Ponte

L'articolo La Cento Fiori compie 40 anni – articolo de Il Ponte, settimanale diocesano di Rimini proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

A Vallecchio la testimonianza di Dino Scaldaferri: da oltre 30 anni aiuta le persone nelle carceri e nelle comunità

Mer, 06/10/2021 - 18:18
Dal capezzale del figlio malato di HIV ad educatore. Ai pazienti: «La cosa importante è non desistere, non fermarsi. Trovate le ragioni per andare avanti nei vostri errori, sapendo che tutti noi siamo soggetti ad errori»

Da quando l’HIV gli ha portato via il figlio ex tossicodipendente, Dino Scaldaferri ha una missione: aiutare le persone che lottano contro la dipendenza. E’ stato Fabio, suo figlio, a consegnargli un elenco di nomi, negli ultimi mesi in cui Dino lo accudiva: «quando non ci sarò più prenditi cura anche di loro». Era il 1986. Da allora Dino Scaldaferri non si è fermato ai soli amici del suo “Fabietto”, ha mollato il suo lavoro di agente di commercio per firme importanti – come racconta nel suo libro “Mio figlio mi ha insegnato” – è diventato educatore e ha visitato carceri e comunità, portando la sua testimonianza. A oltre 84 anni il suo cammino l’ha portato a Vallecchio, chiamato da Gabriella Maggioli, responsabile della Comunità Terapeutica e del Centro Osservazione e Diagnosi. Qui ha incontrato i pazienti, ragazze e ragazzi di tutte le età e dagli accenti da tutta la penisola.

«La cosa importante è non desistere, non fermarsi. Trovate le ragioni per andare avanti nei vostri errori, sapendo che tutti noi siamo soggetti ad errori» ha detto agli utenti, raccolti in cerchio nella grande sala mensa della Comunità. «E non vergognatevi di parlare con gli educatori, se riuscite a migliorare il rapporto con loro, fatelo». «Io avevo una missione da rispettare, quando ho perso Fabietto. Era il messaggio che mi aveva dato. Se fino ad adesso avete tenuto qualcosa nel cassetto, tiratelo fuori, fino in fondo. Approfittate di questa occasione: questa è una possibilità».

L'articolo A Vallecchio la testimonianza di Dino Scaldaferri: da oltre 30 anni aiuta le persone nelle carceri e nelle comunità proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Inaugura a Riccione A-Social Space, uno spazio di relazione digitale dedicato ai giovani 14 – 25 anni promosso dalla U.O. Dipendenze Patologiche Ambito di Rimini e Circolando

Ven, 24/09/2021 - 13:03
A -Social Space fa parte di una rete con gli spazi A Good Game Space (Rimini) e City Lights (Forlì), realizzati per interventi di informazione, formazione, prevenzione, intercettazione precoce circa l’uso consapevole dei social media, del gaming, dell’azzardo e delle sostanze. Il progetto Circolando è gestito dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori.

Riccione – Inaugura sabato 25 settembre dalle ore 14,30 A-Social Space di Riccione, uno spazio di relazione digitale in via Mantova 6 a Riccione, promosso dalla U.O. Dipendenze Patologiche Ambito di Rimini e Circolando in collaborazione con il Distretto di Riccione.

A -Social Space fa parte della rete di tre spazi in capo all’U.O. Dipendenze Patologiche dirette da Edoardo Polidori: “A Good Game Space” di Rimini e “City Lights” di Forlì, deputati alla realizzazione di interventi di informazione, formazione, prevenzione, intercettazione precoce circa l’uso consapevole dei social media, del gaming, dell’azzardo e di tutto il mondo delle sostanze.

Il progetto di A-Sociale Space si pone l’ obiettivo di facilitare l’ accesso tempestivo dei soggetti a rischio e/o dipendenti ai servizi sanitari dedicati attraverso le seguenti azioni:

Apertura di uno sportello legale territoriale per giocatori e loro familiari denominato Match, aperto tutti i venerdì pomeriggio dalle 16 alle 19 nello spazio A-Socialspace, via Mantova 6 a Riccione, con riferimenti dedicati: 351 5039709, mail: sportellomatchriccione@gmail.com . Tale sportello offrirà consulenza legale e psicologica gratuita ai giocatori e ai loro familiari e proporrà azioni pubbliche di sensibilizzazione e di informazione nel territorio.

A-Socialspace ( Via Mantova 6, Riccione). La mattina, lo spazio ospiterà gli studenti degli istituti scolastici del Distretto, proponendo attività di prevenzione e “gioco consapevole” e offrendo confronti informativi circa il mondo delle sostanze e dei comportamenti di dipendenza. Al pomeriggio accoglierà su appuntamento adolescenti e loro familiari con problematiche di ritiro sociale, abbandono scolastico e non integrazione, a rischio di incorrere in stati di uso, abuso o dipendenza da sostanze/comportamenti (per appuntamenti 0541-668103). In tale contesto i ragazzi potranno vivere nuove esperienze di vita positive attraverso pratiche educative che utilizzeranno connessioni e ibridazioni con discipline ed elementi eterogenei (musicali, mediali etc). Si promuoverà un approccio attivo alla tecnologia allestendo spazi accoglienti ed accattivanti dotati di una sala prove, di uno spazio dedicato a creare contenuti radio, stanza gaming con Playstation 5 e visori a disposizione per i ragazzi.

Nella prima parte del pomeriggio di sabato 25 settembre sono previsti “assaggi” dei nostri laboratori di prevenzione rivolti ai ragazzi tra i 14 e i 25 anni, laboratori che promuoviamo anche nel catalogo prevenzione dedicato alle scuole. Dalle 17.00 si procederà con la presentazione dei servizi che abiteranno A-Social Space.

(Comunicato stampa a cura di Ausl della Romagna)

Il programma

L'articolo Inaugura a Riccione A-Social Space, uno spazio di relazione digitale dedicato ai giovani 14 – 25 anni promosso dalla U.O. Dipendenze Patologiche Ambito di Rimini e Circolando proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Quattrocento chili di generosità: Le Befane shopping centre e i suoi lettori Fb regalano cibo per i cani nei canili gestiti dalla Cento Fiori, “Stefano Cerni” di Rimini e a Vallecchio.

Mer, 22/09/2021 - 15:20
Accoglie la ricca donazione Kim, una pastora australiana cieca, rappresentando gli ospiti delle due strutture. L’iniziativa sulla pagina Fb del centro commerciale: oltre mille lettori hanno postato la foto del loro amico a 4 zampe.

Rimini – La generosità si può pesare: nel caso dell’amore verso i cani ospitati nei canili di Rimini Stefano Cerni e di Vallecchio, ad esempio, i lettori della pagina Facebook de Le Befane Shopping Center e la direzione del centro commerciale ne hanno per almeno 400 chili! Una pioggia di commenti con foto di piccoli e grandi amici a 4 zampe ha salutato la ricorrenza della Giornata internazionale del cane, il 4 settembre, aderendo così all’iniziativa benefica lanciata da Le Befane shopping centre: una scatoletta per ogni foto postata. Hanno risposto in oltre mille persone, con le orgogliose immagini dei loro compagni di vita di ogni taglia e dimensione.

Ieri pomeriggio dal centro commerciale di Rimini Le Befane shopping centre sono arrivati nei canili gestiti dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori 400 chili di cibo. Ad accoglierli, oltre agli operatori in servizio, Laura Pedoni e Raffaella Toffoli, una rappresentante d’eccezione dell’universo canino ospitato nelle due strutture: Kim, una pastora australiana di dieci anni dal tipico manto Blue merle, ma completamente cieca. «Un cane dolcissimo da compagnia che nonostante la cecità ha una sorprendente autonomia – racconta di lei Raffaella Toffoli, una delle operatrici del canile di Rimini presenti al momento dell’arrivo di tanto cibo per gli ospiti – E’ con noi da metà luglio, portata via insieme a numerosi altri cani da una situazione davvero brutta e stiamo cercando per lei una sistemazione in famiglia perché è davvero di compagnia e adorabile. Poi, con il fatto di aver sviluppato moltissimo la sensibilità delle vibrisse e degli altri sensi, ha una fortissima autonomia».

Poche settimane fa è arrivato un altro carico di cibo, quella volta per gatti, frutto delle iniziative de Le Befane shopping centre di Rimini. In occasione della giornata dedicata al gatto, la direzione del centro commerciale aveva lanciato sul canale Facebook una “gara benefica” tra ii lettori: più amici postati, più cibo da donare. «Voglio rinnovare il mio ringraziamento al direttore de Le Befane shopping centre Massimo Bobbo per queste iniziative rivolte ai nostri ospiti a quattro zampe. – dice Paola Calcagnini veterinaria coordinatrice delle due strutture gestite dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori – E’ un gesto concreto di generosità che va oltre l’assistenza agli animali ospitati. E’ un aiuto alla nostra missione sociale che da 40 anni ci vede impegnati nella lotto alle dipendenze e nell’aiuto alle disabilità attraverso il lavoro. Con questi gesti Le Befane shopping centre si aggiunge a quanti ci hanno sostenuto in questo quarantennale cammino».

L'articolo Quattrocento chili di generosità: Le Befane shopping centre e i suoi lettori Fb regalano cibo per i cani nei canili gestiti dalla Cento Fiori, “Stefano Cerni” di Rimini e a Vallecchio. proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Buon compleanno Cento Fiori: 40 anni di lotta alle dipendenze festeggiati insieme a Rimini.

Mer, 15/09/2021 - 12:22
Fine settimana denso di avvenimenti: tavola rotonda «Giovani e dipendenze: gli orizzonti della prevenzione oltre la pandemia», musica con Massimo Modula e Massimo Marches. Laboratori sugli orti sinergici, un incontro sulle ecomafie e gran finale con Filippo Malatesta.

Rimini – «Nata dalla città, quarant’anni dopo la Cento Fiori ha festeggiato con i concittadini, i cooperatori e quanti l’hanno sostenuta ciò che è stato costruito e, nello stesso tempo, ha voluto riflettere sull’oggi per guardare, ancora e sempre insieme, al futuro»: così Cristian Tamagnini e Gabriella Maggioli, presidente e vicepresidente della cooperativa Sociale Cento Fiori a conclusione della due giorni di settembre al parco de La Serra Cento Fiori.

«A causa delle incertezze generate dall’andamento della pandemia abbiamo organizzato un calendario di eventi pochi mesi dopo l’esatta data di nascita». Nel maggio del 1981, infatti, nasceva la cooperativa, figlia di un movimento di piazza che si opponeva alla diffusione dell’eroina a Rimini e che cercava risposte attraverso la collaborazione dei servizi pubblici e del privato sociale. Da quella esperienza sono nati, nel giro di pochi anni, un Centro diurno prima e la Comunità terapeutica di Vallecchio poi. Erano i primi passi del lungo cammino della Cooperativa Sociale Cento Fiori che ha portato alla creazione di altre strutture sociosanitarie e di opportunità per chi, da tutta Italia, chiede di essere accolto per emergere dalle proprie dipendenze.

Sabato 11 settembre l’avvio delle celebrazioni è stato con una tavola rotonda coordinata dai colleghi Laura Grossi e Cristian Tamagnini, focalizzata su Giovani e dipendenze: gli orizzonti della prevenzione oltre la pandemia. Claudia Luppi dell’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR, ha presentato i dati della ricerca ESPAD sui “Comportamenti a rischio tra la popolazione studentesca in Emilia Romagna”, seguita dagli interventi di Emma Petitti, presidente dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia – Romagna, Caterina Staccioli, responsabile del centro antialcool del Ser.DP di Rimini, Michele Sanza, responsabile del Ser.DP di Cesena, Leopoldo Grosso, presidente onorario del Gruppo Abele, con Riccardo De Facci, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) che ha tratto le conclusioni.

Concerto di Massimo Marches e Massimo Modula sabato 11 settembre 2021 con Giacomo Depaoli (percussioni) e Stefano Zambardino (piano).

La parte musicale della festa ha visto protagonisti Massimo Marches e Massimo Modula sabato sera con Giacomo Depaoli (percussioni) e Stefano Zambardino (piano), insieme per un repertorio di brani originali e cover in omaggio alla canzone d’autore italiana degli ultimi 50 anni. Domenica invece Filippo Malatesta, accompagnato sul palco da Gianluca Barberini alla batteria, Andrea Bartolini al basso, Francesco Sancisi alle tastiere, Luca Ricchi alla chitarra, Claudia Comandini alle percussioni e ai cori. Una bellissima passeggiata musicale tra i sei album firmati dall’artista, l’ultimo dei quali Sopra la Polvere, del 2019, oltre ad alcuni omaggi agli artisti più amati da Malatesta, tra i quali De André e gli U2.

Filippo Malatesta in concerto, accompagnato sul palco da Gianluca Barberini alla batteria, Andrea Bartolini al basso, Francesco Sancisi alle tastiere, Luca Ricchi alla chitarra, Claudia Comandini alle percussioni e ai cori.

Domenica 12 settembre c’è stata La libera scuola di orto sinergico, un laboratorio mentre nel pomeriggio appuntamento con i più piccoli: Tra gli orti con piccola scimmia, a cura di Manuela Mapelli. Una lettura e passeggiata disegnata nell’orto sinergico dietro La Serra Cento Fiori. Nel pomeriggio Nuove consapevolezze: ambiente, economia e società, un dibattito sulle Ecomafie (in collaborazione con l’Associazione “La Bottega Culturale”), con la partecipazione di Antonio Pergolizzi, analista ambientale, Ivan Esposito della Cooperativa Sociale Terra Felix e Donato Berardi, economista, direttore del laboratorio REF. Nel pomeriggio si è tenuto, inoltre, un Mercatino solidale con cooperative sociali, associazioni e produttori del territorio. A partire dalle 19,30, infime, la Grande Grigliata dell’Adriatico, a cura dell’Associazione “Rimini per tutti”.

Le sostanze lecite e illecite e il loro impatto sugli studenti delle superiori riminesi ed emiliano-romagnoli: la ricerca presentata alla tavola rotonda Cento Fiori da Claudia Luppi dell’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR.

Rimini – Ansie da prestazione nel 7% degli studenti superiori colmate con gli ansiolitici e gli antidepressivi presi dall’armadietto dei medicinali dei genitori, uso di cannabis nel 28% dei teenager ma anche dal 15% della popolazione tra i 18-44 anni. Per non parlare dell’alcool, prima sostanza diffusa in assoluto, dove tra adulti e ragazzi i punti percentuali sono 2 di differenza: a favore degli adulti. Sono alcuni particolari delle giovani generazioni riminesi ed emiliano-romagnole, ma se si allarga lo sguardo all’intera immagine si vede una fotografia che, nell’utilizzo delle sostanze lecite e illecite, non ha né buoni maestri né cattivi allievi.

L’immagine emerge dallo studio ESPAD®Italia, branca italiana nell’omonimo progetto europeo European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs che analizza i consumi psicoattivi (alcol, tabacco, farmaci e sostanze illegali) tra gli studenti delle superiori dai 15 ai 19 anni in ogni provincia italiana. I dati sono stati presentati dalla sociologa Claudia Luppi, dal 2005 in forza all’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR e al progetto ESPAD®Italia, alla platea della tavola rotonda «Giovani e dipendenze: gli orizzonti della prevenzione oltre la pandemia», organizzata dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori a Rimini, in occasione del 40° dalla sua fondazione.

«I risultati della ricerca ci mostrano i segnali di una diffusa ansia da prestazione negli studenti delle superiori – dice Claudia Luppi, illustrando la parte dedicata agli psicofarmaci senza prescrizione – A Rimini parliamo del solo 7% degli studenti. In Italia il 46% dei ragazzi dice di assumerli per andare meglio a scuola, il 34% per stare meglio con se stessi». In tutte le sostanze, lecite e illecite, i maschietti hanno il primato, tranne che nel tabacco (22% contro il 20%) e negli psicofarmaci: le ragazze all’11% contro 4. «Forse sentono maggiormente l’ansia da prestazione, perché se il 41% dei ragazzi dice di assumerli per andar meglio a scuola, per le ragazze la percentuale sale 48%. Altro dato che fa pensare: di solito l’uso di sostanze cala in modo marcato con il crescere dell’età. Nel caso degli psicofarmaci tra i 15 e i 19 anni le differenze non sono marcate». Ma i minorenni, dove trovano questi farmaci? Nell’armadietto di papà e mamà: è la terza voce nel 31,5% dei casi. Altri posti dove trovarli: luoghi aperti al primo posto, poi su Internet.

Non sono in vetta alla “classifica” regionale i teenager riminesi per quanto riguarda l’uso degli alcoolici in generale, ma comunque ne fa uso almeno una volta all’anno l’80%, il 32% si è ubriacato una volta all’anno e, qui il dato si fa ancora più serio, il 37,5% ha fatto il “binge drinking” nell’ultimo mese (40% maschi, il 35 le ragazze). Cosa significa? Che si è sparato cinque o più bevute una dietro l’altra, per ubriacarsi velocemente. Il risultato più alto in regione. Per fare un paragone, in Italia gli adulti che hanno bevuto almeno una volta sono l’83%, l’ubriacatura è al 16%, ma il binge drinking al 12% nel mese: «non è da sottovalutare come problema sociale».

Tra le sostanze illegali l’eroina è rilevata nello 0,7% degli studenti superiori, la cocaina nell’1,7%. Ma è la cannabis la più consumata, tra i giovani e tra gli adulti. Il 28% circa degli studenti riminesi la consuma, di solito in compagnia. Ma anche tra gli adulti la sostanza va: tra i 18 e gli 84 anni i consumatori sono il 7%, con il 15% tra i 18-44 anni e il 45 -84 siamo al 3%.

L'articolo Buon compleanno Cento Fiori: 40 anni di lotta alle dipendenze festeggiati insieme a Rimini. proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Una generazione potenzialmente più fragile che attinge agli psicofarmaci di papà e mammà: alla tavola rotonda per il 40ennale Cento Fiori presentato il rapporto Espad sui teenager di Rimini ed emiliano-romagnoli.

Dom, 12/09/2021 - 17:13
Al parco de La Serra Cento Fiori (parco XXV aprile) le sostanze lecite e illecite e il loro impatto sugli studenti delle superiori riminesi ed emiliano-romagnoli, presentata da Claudia Luppi dell’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR.

Rimini – Ansie da prestazione nel 7% degli studenti superiori colmate con gli ansiolitici e gli antidepressivi presi dall’armadietto dei medicinali dei genitori, uso di cannabis nel 28% dei teenager ma anche dal 15% della popolazione tra i 18-44 anni. Per non parlare dell’alcool, prima sostanza diffusa in assoluto, dove tra adulti e ragazzi i punti percentuali sono 2 di differenza: a favore degli adulti. Sono alcuni particolari delle giovani generazioni riminesi ed emiliano-romagnole, ma se si allarga lo sguardo all’intera immagine si vede una fotografia che, nell’utilizzo delle sostanze lecite e illecite, non ha né buoni maestri né cattivi allievi.

L’immagine emerge dallo studio ESPAD®Italia, branca italiana nell’omonimo progetto europeo European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs che analizza i consumi psicoattivi (alcol, tabacco, farmaci e sostanze illegali) tra gli studenti delle superiori dai 15 ai 19 anni in ogni provincia italiana. I dati sono stati presentati dalla sociologa Claudia Luppi, dal 2005 in forza all’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR e al progetto ESPAD®Italia, alla platea della tavola rotonda «Giovani e dipendenze: gli orizzonti della prevenzione oltre la pandemia», organizzata dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori a Rimini, in occasione del 40° dalla sua fondazione.

«I risultati della ricerca ci mostrano i segnali di una diffusa ansia da prestazione negli studenti delle superiori – dice Claudia Luppi, illustrando la parte dedicata agli psicofarmaci senza prescrizione – A Rimini parliamo del solo 7% degli studenti. In Italia il 46% dei ragazzi dice di assumerli per andare meglio a scuola, il 34% per stare meglio con se stessi». In tutte le sostanze, lecite e illecite, i maschietti hanno il primato, tranne che nel tabacco (22% contro il 20%) e negli psicofarmaci: le ragazze all’11% contro 4. «Forse sentono maggiormente l’ansia da prestazione, perché se il 41% dei ragazzi dice di assumerli per andar meglio a scuola, per le ragazze la percentuale sale 48%. Altro dato che fa pensare: di solito l’uso di sostanze cala in modo marcato con il crescere dell’età. Nel caso degli psicofarmaci tra i 15 e i 19 anni le differenze non sono marcate». Ma i minorenni, dove trovano questi farmaci? Nell’armadietto di papà e mamà: è la terza voce nel 31,5% dei casi. Altri posti dove trovarli: luoghi aperti al primo posto, poi su Internet.

Non sono in vetta alla “classifica” regionale i teenager riminesi per quanto riguarda l’uso degli alcoolici in generale, ma comunque ne fa uso almeno una volta all’anno l’80%, il 32% si è ubriacato una volta all’anno e, qui il dato si fa ancora più serio, il 37,5% ha fatto il “binge drinking” nell’ultimo mese (40% maschi, il 35 le ragazze). Cosa significa? Che si è sparato cinque o più bevute una dietro l’altra, per ubriacarsi velocemente. Il risultato più alto in regione. Per fare un paragone, in Italia gli adulti che hanno bevuto almeno una volta sono l’83%, l’ubriacatura è al 16%, ma il binge drinking al 12% nel mese: «non è da sottovalutare come problema sociale».

Tra le sostanze illegali l’eroina è rilevata nello 0,7% degli studenti superiori, la cocaina nell’1,7%. Ma è la cannabis la più consumata, tra i giovani e tra gli adulti. Il 28% circa degli studenti riminesi la consuma, di solito in compagnia. Ma anche tra gli adulti la sostanza va: tra i 18 e gli 84 anni i consumatori sono il 7%, con il 15% tra i 18-44 anni e il 45 -84 siamo al 3%.

Con Claudia Luppi hanno discusso i dati, coordinati dai colleghi Cento Fiori Laura Grossi e Cristian Tamagnini, Emma Petitti, presidente dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia – Romagna, Maria Caterina Staccioli, responsabile del Centro Dipendenze Alcol – Fumo di Rimini, Michele Sanza, responsabile del Ser.DP di Cesena, Leopoldo Grosso, presidente onorario del Gruppo Abele, con Riccardo De Facci, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) che ha tratto le conclusioni.

L'articolo Una generazione potenzialmente più fragile che attinge agli psicofarmaci di papà e mammà: alla tavola rotonda per il 40ennale Cento Fiori presentato il rapporto Espad sui teenager di Rimini ed emiliano-romagnoli. proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Né santi, né santoni: 40 anni di Cento Fiori

Mar, 07/09/2021 - 18:30

Buon compleanno Cento Fiori: 40 anni di lotta alle dipendenze da festeggiare insieme a Rimini l’11 e il 12 settembre. La videointervista di Legacoop Romagna, a cura di Emilio Gelosi, con il presidente Cristian Tamagnini e la vicepresidente Gabriella Maggioli.

L'articolo Né santi, né santoni: 40 anni di Cento Fiori proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Le Befane Shopping Centre fa “piovere” con un post su Facebook 200 chili di cibo per gatti ai canili di Rimini e di Vallecchio, gestiti della Cento Fiori.

Mer, 18/08/2021 - 18:58
In occasione della Festa del Gatto, 1211 lettori hanno risposto all’appello del centro commerciale: per ogni foto postata del proprio felino, una scatoletta per i gattini ricoverati nelle due strutture.

Le Befane Shopping Centre hanno fatto scattare la solidarietà “felina” con un semplice click su Facebook, che ha prodotto una pioggia di cibo per i gatti ospiti dei canili di Rimini Stefano Cerni e di Vallecchio, entrambi gestiti dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori. «I nostri ospiti avranno davvero di che leccarsi i baffi. – dice Paola Calcagnini, veterinaria coordinatrice delle due strutture – L’appello lanciato su Facebook da Le Befane in occasione della Festa dei gatti l’8 agosto, “per ogni foto del proprio felino postata sui social del centro, doneremo una scatoletta di cibo” ha prodotto oltre 200 chilogrammi di alimenti. Una generosità resa possibile da Le Befane e da oltre 1200 amanti dei gatti. Voglio ringraziarli tutti, insieme ai vertici del centro commerciale che hanno concretizzato tanta generosità. Grazie da tutta la Cooperativa sociale Cento Fiori, degli operatori e dei numerosi volontari delle associazioni che ci aiutano nella cura dei gatti a noi affidati».

«Con questo progetto – sottolinea Massimo Bobbo, direttore Le Befane Shopping Centre – abbiamo potuto toccare con mano non solo quanto siano presenti e importanti gli animali di compagnia nella vita di molte persone. Ma di come sia possibile, attraverso iniziative legate ai social media, come quella promossa da Le Befane Shopping Centre, attivare catene di solidarietà che si trasformano in gesti concreti, a favore, questa volta, delle strutture gestite dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori. La risposta del pubblico de Le Befane è stata rapida e numericamente importante: desidero pertanto ringraziare ciascuna delle 1211 persone che, condividendo la foto dei loro amici a quattro zampe sui social de Le Befane, ha consentito di aiutare i gatti ospiti dei canili di Rimini e di Vallecchio».

L'articolo Le Befane Shopping Centre fa “piovere” con un post su Facebook 200 chili di cibo per gatti ai canili di Rimini e di Vallecchio, gestiti della Cento Fiori. proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

«Baffi e code»: tornano i diari per la scuola e la novità dei quadernoni con i simpatici ospiti dei canili di Rimini e Vallecchio. Il ricavato aiuterà l’emergenza sanitaria del cane Mario.

Mer, 18/08/2021 - 15:00
All’interno dei diari Baffi e Code le foto, i racconti delle “adozioni del cuore”, consigli e suggerimenti dedicati agli amici a quattro zampe. Gli ospiti dei canili hanno “posato” per le copertine dei quaderni.

Passato il Ferragosto è già ora di pensare a settembre e all’inizio delle scuole. Dopo il successo dell’anno scorso la Cooperativa Sociale Cento Fiori che gestisce i canili di Rimini e Vallecchio, ha realizzato in collaborazione con Fare Ambiente Rimini la seconda edizione dei diari per le scuole Baffi e code. In più la novità di quest’anno sono i simpaticissimi quadernoni a righe e quadretti, adatti alle scuole elementari e medie.

L’intero ricavato sarà devoluto alle attività dei canili ed in particolare l’emergenza sanitaria del cane Mario, che deve subire una delicata e grossa operazione a causa di un brutto incidente. Affrettatevi a prenotare diari e quaderni al numero whatsapp +39 3292255722.

Lo scorso anno in pochi giorni abbiamo registrato il sold out e non siamo riusciti ad accogliere tutte le richieste pervenute. Quest’anno abbiamo previsto più copie e speriamo di bissare il risultato.

Sono sempre tantissime le persone che ci sostengono e partecipano attivamente alle nostre iniziative, e anche in questo periodo dove incontrarsi e vedersi è diventato difficile ci sembra un gesto per essere accanto ai nostri cani e ai nostri gatti.

Oltre alle foto dei nostri ospiti all’interno del diario troverete i racconti di alcune delle adozioni a noi più care, le “adozioni del cuore”, consigli e suggerimenti dedicati sempre ai nostri amici a quattro zampe . Per i quaderni invece i nostri ospiti hanno fatto da testimonial e hanno “posato” per la copertina , realizzate con le loro foto più belle.

Il costo parte da un’offerta libera minima di 20 euro per i diari, per i quaderni partire da  2,50 euro l’uno, per il pacchetto con 5 quaderni l’offerta libera parte da 10 euro.

L'articolo «Baffi e code»: tornano i diari per la scuola e la novità dei quadernoni con i simpatici ospiti dei canili di Rimini e Vallecchio. Il ricavato aiuterà l’emergenza sanitaria del cane Mario. proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Buon compleanno Cento Fiori: 40 anni di lotta alle dipendenze da festeggiare insieme a Rimini con tavole rotonde, concerti e rustida l’11 e il 12 settembre.

Mar, 17/08/2021 - 17:52
Tavola rotonda «Giovani e dipendenze: gli orizzonti della prevenzione oltre la pandemia» sabato con Claudia Luppi, Edoardo Polidori, Michele Sanza, Leopoldo Grosso, Riccardo De Facci. Concerti di Massimo Modula e Massimo Marchez. Laboratori sugli orti sinergici e incontro sulle ecomafie domenica, cena e poi Filippo Malatesta in concerto.

«Nata dalla città, quarant’anni dopo la Cento Fiori l’11 e il 12 settembre vuole festeggiare con i concittadini, i cooperatori e quanti l’hanno sostenuta ciò che è stato costruito e, nello stesso tempo, riflettere sull’oggi per guardare, ancora e sempre insieme, al futuro», annunciano Cristian Tamagnini e Gabriella Maggioli, presidente e vicepresidente della cooperativa Sociale Cento Fiori.

Nel maggio del 1981 nasceva la cooperativa, figlia di un movimento di piazza che si opponeva alla diffusione dell’eroina a Rimini e che cercava risposte attraverso la collaborazione dei servizi pubblici e del privato sociale. Da quella esperienza sono nati, nel giro di pochi anni, un Centro diurno prima e la Comunità terapeutica di Vallecchio poi. Erano i primi passi del lungo cammino della Cooperativa Sociale Cento Fiori che ha portato alla creazione di altre strutture sociosanitarie e di opportunità per chi, da tutta Italia, chiede di essere accolto per emergere dalle proprie dipendenze.

«Quel che state leggendo è un invito a festeggiare insieme a noi. A causa delle incertezze generate dall’andamento della pandemia abbiamo organizzato un calendario di eventi pochi mesi dopo l’esatta data di nascita. Eventi che verranno creati nel cuore della città: nello spazio verde che gestiamo di fianco al Parco XXV aprile, dove trova posto la nostra Serra Cento Fiori e il parco Rimini Avventura, in via Galliano 19, a 300 metri dal Ponte di Tiberio».

Sabato 11 settembre l’avvio delle celebrazioni è con una tavola rotonda coordinata dai colleghi Laura Grossi e Cristian Tamagni, focalizzata su Giovani e dipendenze: gli orizzonti della prevenzione oltre la pandemia. Claudia Luppi dell’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR, presenterà i dati relativi alla ricerca ESPAD sui “Comportamenti a rischio tra la popolazione studentesca” in Emilia Romagna, a seguire interverranno Edoardo Polidori, responsabile del Ser.DP di Rimini e Forlì, Michele Sanza, responsabile del Ser.DP di Cesena, Leopoldo Grosso, presidente onorario del Gruppo Abele, con Riccardo De Facci, Presidente Nazionale del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) che trarrà le conclusioni. Oltre ai partecipanti suddetti, siamo in attesa di ulteriori conferme.

Massimo Marches e Massimo Modula in concerto dalle 21: i due autori riminesi suonano nel primo dei due concerti offerti dalal Cento Fiori gratuitamente alla città e ai suoi ospiti. Oltre a Massimo Modula (voce, chitarra, armonica) e Massimo Marches (voce, chitarra), si esibiscono sul palco Giacomo Depaoli (percussioni) e Stefano Zambardino (piano), insieme per un repertorio di brani originali e cover che omaggiano la canzone d’autore italiana degli ultimi 50 anni. Due mondi che si incontrano da tempo, quelli di Marches e Modula, che contano ognuno diversi album pubblicati dai primi anni del 2000 ad oggi. Questa formazione è chiamata anche Meltin’Pop per via delle infinite suggestioni poetiche e sonore che influenzano e caratterizzano l’impronta artistica di questo “insieme”.

Il programma di domenica 12 settembre inizia con la La libera scuola di orto sinergico, dalle ore 10 alle 13 e dalle 14:00 alle 17 formazione “sul campo” in tema di orto sinergico, laboratorio per massimo 12 partecipanti. Nel pomeriggio appuntamento con i più piccoli: Tra gli orti con piccola scimmia, a cura di Manuela Mapelli. Una lettura e passeggiata disegnata nell’orto sinergico dietro La Serra Cento Fiori dalle 16 alle 17,30, durante le quali ogni bambino (dai 5 ai 10 anni) realizzerà un piccolo taccuino da viaggiatore in cui appuntare le piccole grandi scoperte della natura. Prenotazione necessaria.

Dalle ore 17,30 Nuove consapevolezze: ambiente, economia e società, un dibattito sulle Ecomafie (in collaborazione con l’Associazione “La Bottega Culturale”), con la partecipazione di Antonio Pergolizzi, analista ambientale, Francesco Pasquale, Cooperativa Sociale Terra Felix e Donato Berardi, economista, direttore del laboratorio REF.

Dal pomeriggio ci sarà il Mercatino solidale con cooperative sociali, associazioni e produttori del territorio. E, a partire dalle 19,30, la Grande Grigliata dell’Adriatico, a cura dell’Associazione “Rimini per tutti”. Concluderà i festeggianti del quarantennale Cento Fiori Filippo Malatesta in concerto dalle ore 21, il cantante e autore verucchiese che dal 1992 ha all’attivo sei album, il più recente nel 2019, Sopra la polvere.

L'articolo Buon compleanno Cento Fiori: 40 anni di lotta alle dipendenze da festeggiare insieme a Rimini con tavole rotonde, concerti e rustida l’11 e il 12 settembre. proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Rimini Avventura invaso dai bambini! Aperto il carosello sugli alberi nel cuore della città, nel parco XXV aprile.

Gio, 17/06/2021 - 13:27
I ragazzi si sono avventurati con sicurezza divorando altezze e ostacoli. Il taglio del nastro con il sindaco Gnassi, mentre l’assessora Frisoni ha indossato elmetto e imbracatura per provare una delle attrazioni. I saluti dei “padroni di casa” Alfredo Manzaroli (Top Adventure park) e Cristian Tamagnini (Cooperativa Sociale Cento Fiori).

Rimini – Una torma di bambini ha letteralmente preso d’assalto i nuovi percorsi sugli alberi di Rimini Avventura, inaugurando così la struttura ai bordi del parco XXV aprile, di fianco alla Serra Cento Fiori. Disciplinati, attenti ad utilizzare correttamente le loro protezioni, si sono avventurati con sicurezza divorando altezze e ostacoli su quote che sembravano del tutto naturali per loro, destando l’ammirazione degli adulti, tutti a testa in su.

Sotto di loro, la breve cerimonia inaugurale del terzo adventure park del territorio (dopo Riccione e San Marino) costruito in partnership tra la Cooperativa Sociale Cento Fiori (già concessionaria dell’area) e la Top Adventure Park, con il taglio del nastro da parte del sindaco Andrea Gnassi e i saluti dell’amministrazione portati dall’assessora Roberta Frisoni. La quale ha detto che «ci si trova in un gioiello che da gioia e divertimento ai bambini – e da genitori sappiamo quanto sia bello quando c’è gioia nei bambini – e che da inclusione sociale e lavoro« Poi, smessi i panni dell’amministratrice, ha voluto provare anche lei l’ebbrezza dell’altezza, percorrendo uno degli 11 percorsi che compongono Rimini Avventura.

L’attesa per l’inaugurazione è stata ingannata dalle giovani danzatrici della Compagnia Nonchalance di Riccione. Poi i saluti di Alfredo Manzaroli, della Top Adventure Park,: «l’obiettivo è di far divertire, socializzare ed offrire un presidio dell’avventura a Km zero per residenti e turisti. E di recuperare un’area ora pienamente rivalorizzata e curata nell’ottica dello sviluppo sostenibile e turismo green, come da oltre 15 anni l’azienda italo-sammarinese fa in Italia e nel mondo con oltre 100 realizzazioni». Cristian Tamagnini, presidente della Cooperativa Sociale Cento Fiori ha ricordato che da cinque anni si attendeva l’inaugurazione del parco, ora finalmente raggiunta. Un parco che nasce «nel segno della cooperazione – una delle parole chiave di questa pandemia, assieme a Bene comune e Reciproca responsabilità – perché non sarà solo luogo di divertimento sano e all’aria aperta ma anche occasione di lavoro per persone svantaggiate e di attività didattiche».

Il Parco Ecologico “Rimini Avventura” è ai bordi del Parco XXV Aprile, con ingresso da via Galliano 19 e da via Padre Tosi. E’ il nuovo fiore all’occhiello della Cooperativa Sociale Cento Fiori e della catena Top Adventure Park, azienda che già ha costruito e gestisce i parchi Avventura di San Marino e Riccione. L’obiettivo è creare un triangolo del divertimento avventuroso con tre strutture che lavorano in sinergia costituendo assieme il più grande Carosello dell’avventura al Mondo: 57 percorsi avventura oltre 2 km di teleferiche, Tarzan Tree Village e attrazioni ecosostenibili per tutte le età e i livelli di allenamento.

L'articolo Rimini Avventura invaso dai bambini! Aperto il carosello sugli alberi nel cuore della città, nel parco XXV aprile. proviene da Cento Fiori, Rimini.

Categorie: siti che curo

Pagine