Trent'anni di Cento Fiori, 30 di lotta alla droga del territorio: la cooperativa festeggia insieme a istituzioni e associazioni

La cooperativa Cento Fiori compie 30 anni e li festeggia con coloro che l'hanno accompagnata in questo lungo percorso nel sociale riminese: le persone, le famiglie, il territorio. Primo appuntamento dei festeggiamenti un seminario, «organizzato per parlare sì di noi in questi anni di attività - dice Monica Ciavatta, presidente della cooperativa Cento Fiori - ma sopratutto enti, istituzioni, servizi e le associazioni che hanno condiviso il cammino o collaborato da quando siamo nati, nel maggio 1981. La nostra storia è anche la loro storia, la nostra evoluzione è anche l'evoluzione di una città, di una provincia, del SerT, delle comunità e cooperative come la nostra che operano sul territorio. Ci è sembrato naturale festeggiare insieme 30 anni di evoluzione di una collettività che lotta contra la droga».

Alla sala del Buonarrivo (presidenza della Provincia di Rimini, corso d'Augusto 231), lunedì 13 giugno il seminario dalle 14,30 vedrà un nutrito panterre di relatori, a partire dall'apertura dei lavori a cura di Mario Galasso, assessore provinciale ai Servizi Sociali. Alla presidenza Werther Mussoni, storico presidente fino a pochi anni fa della cooperativa e fondatore della Comunità Terapeutica di Vallecchio, che darà la parola all'attuale presidente Monica Ciavatta, che parlerà di «Trent'anni di percorsi». Seguirà l'intervento di Leopoldo Grosso, vicepresidente del Gruppo Abele, su «Le vicissitudini delle comunità terapeutiche in 30 anni di lavoro», seguito da Daniela Casalboni, Direttore dell'Unità Operativa Dipendenze Patologiche dell'Azienda Usl Rimini, relatrice su «Il sistema dei servizi per le tossicodipendenze in provincia di Rimini: dal "to cure" al "to care"», seguita da Meo Barberis, dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che racconterà «L'esperienza della Papa Giovanni XXIII: al centro la cura della persona». Chiuderà il seminario l'intervento di Eleonora Zoffoli dell'Università della Marginalità: «La complessità del reale».

La cooperativa sociale Cento Fiori è una cooperativa di tipo A e B, fondata nel maggio 1981 dall'impegno di volontari, genitori, operatori del Cmas (come si chiamava all'epoca il SerT) per fronteggiare la crescente diffusione dell'eroina a Rimini. Prodromo alla nascita, una grande manifestazione di sensibilizzazione al tema, alla quale parteciparono circa 5 mila persone: giovani sulla "piazza" (border-line, tossicodipendenti, emarginati, volontari), rappresentanze politiche, delle istituzioni, del mondo sanitario. Nel 1984 nacque la Comunità terapeutica di Vallecchio, siglando un protocollo tra i Comuni di Rimini e di Montescudo e il Circondario (l'allora ente sostitutivo della Provincia). Negli anni l'attività della cooperativa si è arricchita di un Centro Diurno, struttura terapeutico-riabilitativa semiresidenziale localizzata a Rimini, che si rivolge a persone con problemi d'abuso di sostanze psicoattive e lavora in rete con i Servizi del territorio, mentre nel 2002 è nato il Centro diagnosi e terapia breve (ora Centro osservazione e diagnosi - Cod), per patologie derivate da abuso di sostanze psicotrope, finalizzato a dare risposte immediate ed a fornire diagnosi scientificamente valide su sollecitazione dell'Azienda U.S.L. di Rimini, riconosciuto dalla Regione Emilia - Romagna. Recentemente la cooperativa ha rilevato la gestione del Cod L'airone di Argenta, dal luglio 2010

Tra le attività del settore B della cooperativa (inserimento persone svantaggiate), sono attive la Legatoria artistica e centro restauro del libro, il centro stampa, la Serra florovivaistica, il maneggio e il canile a Vallecchio, gestisce un'attività di pesca sportiva nel Lago Arcobaleno, luogo dove dal 1993 è attivo un progetto di reinserimento sociale. Sono inoltre attivi dal 2005 lo Studio di Psicologia e di Psicoterapia, l'Attività Veterinaria e le Consulenze Manageriali, la gestione Bike sharing a Rimini e, infine, la serra e ristorante Sicomoro dell'Arboreto Cicchetti di Riccione.

Comunicato stampa scritto per: 
Istituzioni: 
Luoghi: 
Persone: