Santarcangelo, la scena in festa

Torna nelle piazze il Festival Santarcangelo dei Teatri, in questa edizione - ponte che dovrebbe portare la longeva manifestazione ad un rilancio, superando le vicissitudini del passato. Oggi il prologo musicale, Giovanni Sollima e i violoncelli della Scala alla Villa Torlonia.

Articolo scritto per: 
testi: 
Argomenti: 

La vera notizia è la memoria che non c'è - L'Unità Emilia - Romagna

"E' tutto scritto". Le parole del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano le cita Carlo Lucarelli, scrittore, mentre si parla di rifiuti, al Premio Ilaria Alpi, a Riccione, alla vigilia della proclamazione dei 12 vincitori. Tema: il "Rifiuto del rifiuto", ovvero, il rapporto "tra il giornalismo e le tematiche ambientali: dai rifiuti di casa nostra ai traffici illeciti". Ma dietro al titolo c'è l'attualità delle parole Napoli e Camorra. E la domanda se ci si è sottratti al proprio mestiere di raccontare la realtà, giornalisti e romanzieri, oppure no.

Articolo scritto per: 
testi: 
Argomenti: 
Luoghi: 

Gli Exitime all blacks. Ovvero, come fondare una squadra di calcio ed essere felici

La copertina di Exitime di giugno

Il vulcanico Samuele – l'editore - un po' soffre di manie di grandezza. Però, più che a Charles Foster Kane – il magnate dell'editoria di Quarto Potere - si rifà a Silvio Berlusconi. Senza offesa. Mica perché ha le televisioni (tre: in camera, in salotto e nella cuccia dei feroci carlini da guardia). Perché s'è fatto la squadra di calcio.

Articolo scritto per: 
testi: 
Luoghi: 

Daniele Maggioli, un cantautore semiserio per una Rimini cantata con “ironia pagliaccia”

Gavetta: mentre si strimpella o si attoricchia in attesa della svolta, si può anche papereggiare tra i tavoli di un'osteria riminese. E poi, con ancora la parananza addosso, servire con chitarra e voce alle orecchie degli avventori la stessa Rimini che questi vivono, facendo finta o senza accorgersi di essere in quelle strofe. Come "l'attrice in erba carina e scontata, acida come un avanzo di yogurt, si veste un po' zingara e un poco firmata, e beve tisane all'ortica".

Articolo scritto per: 
testi: 
Argomenti: 
Luoghi: 

Un applauso ci salverà? L'argine della Cultura e l'identità dei nostri luoghi

Exitime, rivista mensile di cultura e divertimento - copertina n. 7

Per qualche giorno il grattacielo ha vissuto una nuova identità. Abbandonata quella della modernità, che impersonava negli anni '60, come le altre torri abitative lungo la costa, definitivamente abbracciato, ahinoi, dall'identità degradata di piccole storie di usuale malavita, tra droga, prostituzione che viaggiano a braccetto con le residenze "patrizie" di Rimini, la nostra torre per qualche giorno è stata la sede di una riuscita operazione culturale, messa in piedi dalla Compagnia del serraglio e i gruppi teatrali Banyan Teatro, Korekané, Maan ricerca e spettacolo - e drammaturghi, attori, registi - del riminese. Impegnativa, complessa, divertente, curiosa. Per pochi giorni la nostra torre ventosa, così usuale ai nostri occhi eppure così sconosciuta nei suoi camminamenti, è diventata il teatro di Rimini. Quasi un festival, se vogliamo.

Articolo scritto per: 
testi: 
Argomenti: 
Luoghi: 

Pagine

Abbonamento a Enrico Rotelli RSS